Traslocare è senz’altro un momento delicato. Se a questo aggiungiamo lo stress causato dal dover organizzare e realizzare ogni fase del trasloco, allora può diventare un incubo. Ma con qualche accorgimento messo a punto prima di procedere, tutto può diventare più facile.  Alla stragrande maggioranza delle persone è capitato o capiterà di dover traslocare. Se poi dobbiamo traslocare nel centro di una grande città come Roma, al problema logistico si aggiunge anche quello inerente i permessi di accesso alle varie zone a traffico limitato.

traslochi roma

Come traslocare

Come fare allora, per affrontare un trasloco al meglio? Vi sono 2 soluzioni.

  • Affidarci ad una ditta di traslochi di Roma professionista che provvederà a tutto
  • Far da se, avendo cura di organizzare ogni fase del trasloco con cura e meticolosità

In questo articolo vogliamo proporre la seconda soluzione, spiegando, passo dopo passo, come organizzarsi.

Il primo step da effettuare è stabilire la quantità di scatole e di materiali da imballo (cartoni e pluriball) occorrenti per poter contenere i mobili ed i soprammobili. Questa fase è molto importante perché permette di trasportare i beni in maniera sicura ed al riparo da danneggiamenti.

Un occhio esperto riuscirebbe subito a quantificare l’occorrente. Chi invece è alle prime armi deve utilizzare un metodo “empirico” per non rischiare di acquistare più meteriale del dovuto. Rivolgiamoci ad un fornitore della nostra zona ed iniziamo ad acquistare lo stretto necessario. Ci si potrebbe anche rivolgere al supermercato più vicino per vedere se ci mettono da parte un po’ di scatoloni, utili soprattutto per soprammobli, libri, ecc…

Quindi iniziamo ad inscatolare gli oggetti avendo cura di avvolgere quelli più piccoli in comune carta di giornale e quelli più fragili nel pluriball (si vende a bobine). Man mano che impacchettiamo riusciremo a farci un idea di quante scatole in più ci servano e potremo provvedere a reperire quelle mancanti.

Dopo avere imballato tutta l’oggettistica e le suppellettili, chiamiamo un falegname o un amico esperto per farci aiutare a smontare i mobili. Qui il consiglio è quello di cercare di smontare ogni cosa ai minimi termini (per esempio togliere tutti i cassetti e trasportarli a parte) per alleggerire il più possibile il peso dei mobili.

Una volta che abbiamo smontato ed impacchettato tutto è la volta di trovare il mezzo di trasporto. Possiamo chiedere un furgone o un camion ad un amico se possiamo e farci aiutare a caricare le nostre cose. In alternativa esistono servizi di facchinaggio con furgone in cui vengono messi a disposizione, oltre al mezzo di trasporto, anche un paio di persone che vi possono aiutare. Ultima alternativa è quella di noleggiare un furgone per il tempo necessario al trasloco.

A questo punto siete pronti per trasportare le vostre cose nella vostra nuova dimora.

Nel caso doveste trasportare il tutto nel centro storico di Roma, ove vige la ZTL (zona a traffico limitato), sappiate che avete 2 possibilità. La prima, ed anche la più economica, è quella di entrare nella ZTL all’alba, nell’orario in cui ancora è consentito l’accesso. In questo caso sappiate che dovete fare in fretta a scaricare e poi a portare fuori dalla ZTL il vostro automezzo, pena una salata multa. La seconda è quella di cercare di ottenere un permesso per l’accesso, da richiedere al Comune (o nel Municipio di zona nel caso di Roma). Di solito il permesso è a pagamento.

Ora che abbiamo trasportato tutto dalla vecchia alla nuova abitazione , non rimane che rimontare tutto e godersi la nuova casa.

Una raccomandazione: i materiali da imballo utilizzati devono essere smaltiti correttamente e nel rispetto dell’ambiente. Portateli alla più vicina isola ecologica divisi per tipologia (plastica e cartone).