Se siete dei viaggiatori abituali poiché possedete un mezzo che vi permette di spostarvi facilmente come un camper, siete anche a conoscenza della necessità, soprattutto per chi non guida, di far trascorrere il tempo, proprio come i viaggi in treno.

come viaggiare gratis

come viaggiare gratis


Ma prima di affrontare questo argomento, è necessario ricordare quanto possa essere bello per una famiglia o per una coppia possedere un mezzo di questo tipo, avere la possibilità di raggiungere molte mete senza dover pensare all’alloggio o rispettare il momento in cui i biglietti aerei sono ad un prezzo più basso, ad esempio.
Ecco che, se l’idea vi alletta, potreste visitare il sito Il mio camper in cui troverete svariati Camper usati e non, catalogati in maniera tale da permettervi una ricerca dettagliata che vi porti a trovare il mezzo che rispecchi le vostre esigenze, economiche e non.

Libri da leggere

Un viaggio in camper può essere un bel pretesto per approfittare del tempo a disposizione per fare quelle cose che ci piacciono ma che a volte non abbiamo la possibilità di fare.
In questa lista, per molti di noi, vi è la lettura, che tendiamo a procrastinare perché pretende attenzione e spesso il lavoro, lo studio, la famiglia, lo sport, ci tolgono tutte le energie.
Un libro che valga sicuramente leggere durante uno di questi viaggi è “Sulla strada” di Kerouac che si basa sulle esperienze di vita dello scrittore che viaggia attraverso l’America con i suoi amici e lo consiglio perché, tra le altre cose, insegna la necessità di viversi il momento: essenziale durante un viaggio.
Se state visitando i territori inglesi non potrete non leggere un libro di Jane Austen, tra gli altri “ragione e sentimento”, uno dei più belli in grado di farvi compagnia e allo stesso tempo capire molte cose di voi e del luogo che state visitando.

Into the Wild

Parlando di viaggi in camper non si può non fare riferimento ad “Into the wild” che va assolutamente recuperato.
Esso narra la vera storia di Christopher McCandless che, dopo aver donato i suoi soldi in beneficenza, decide di partire solo con uno zaino alla ricerca di qualcosa di puro, sincero, lontano dalla superficialità tipica della società moderna.
Alla fine si ritroverà in Alaska, all’interno di un vecchio camper che oggi si trova ancora lì a testimoniare l’importanza del suo gesto: ciò che crediamo essenziale, le cose che possediamo, i voti che prendiamo, il lavoro che facciamo, a volte non sono nulla di fronte la bellezza della natura.