Nel momento in cui ci si trasferisce negli Stati Uniti d’America, il primo bisogno a cui è necessario provvedere è quello relativo alla sistemazione, dove per sistemazione si deve intendere la casa dove abitare. A prescindere da quale sia la città statunitense in cui ci si deve trasferire, è bene sapere che esistono varie tipologie di abitazione.

come scegliere e acquistare casa negli stati uniti

acquistare casa negli stati uniti

Prima possibilità: Alloggi Condivisi

Prima di procedere con questo discorso, sarà utile sapere che negli USA è cosa normale condividere l’alloggio con altre persone, per essere certi che la zona in cui ricade offra servizi, sia ben servita dai mezzi pubblici e che non sia ad alta criminalità.

Questa precauzione, permetterà di “testare” il quartiere, prima di effettuare l’acquisto definitivo della nuova casa.

In questo senso ci vengono in aiuto anche alcuni siti web statunitensi, specializzati nel fornire questo genere di informazioni. Consultandoli, si potrà effettuare la scelta senza il pericolo di pentirsene.

Tipologie di Case negli USA

Se si sceglie il centro città come zona di residenza, la maggior parte delle soluzioni abitative a disposizione sono costituite da appartamenti. Spostandosi verso la periferia e via via, verso la provincia, si possono trovare case più grandi, villette indipendenti e a schiera con tanto di giardino.

Le abitazioni del centro delle grandi città sono in genere piccole (apartments). Non sarà difficile trovare anche dei monolocali, in America chiamati “Studio”.

È possibile anche scegliere un condominio, rappresentato da un edificio con più appartamenti che condividono delle aree comuni, come ad esempio un cortile o una piscina.

Se si vuole acquistare una casa autonoma, bisogna acquistare una “house”, struttura autonoma che ricade su un piccolo appezzamento di terreno in genere adibito a giardino.

Esistono anche case costruite su terreni la cui proprietà è condivisa tra i proprietari delle abitazioni che vi sorgono sopra. Questa tipologia di abitazione si può chiamare “bungalow” o “granny flat”.

Altri tipi di abitazione che potrete trovare negli Stati Uniti sono i “duplex” e le “townhouses”. Entrambe sono delle case a schiera la cui differenza è la disposizione. Le prime sono tutte su un piano e sono disposte (unite) una di fianco all’altra, le seconde si ergono su più piani.

Se si vuole andare momentaneamente in affitto, la soluzione ideale sono le “Corporate housing”, alloggi arredati pronti per affitti a breve termine.

Quanto costa andare in affitto negli Stati Uniti

Il costo dell’affitto dipende innanzi tutto dalla zona dove ricade la casa. Più il quartiere è di pregio e maggiore sarà l’affitto. In generale però possiamo definire una percentuale che va dal 30 al 50% del proprio stipendio.

Va da se che uno stipendio modesto potrà permettersi case in quartieri più “popolari”.

Gli affitti sono soggetti ad un contratto che va da un minimo di 6 mesi ad un massimo di 2 anni, ovviamente rinnovabili se entrambe le parti convergono in questo.

I proprietari, prima di affittare, vorranno avere la prova che si sarà in grado di pagare e per questo richiederanno la prova che si abbia un lavoro. Inoltre potranno richiedere anche un certificato dei debiti pendenti o delle referenze da parte di un eventuale ex padrone di casa.

Acquistare Casa negli USA

C’è la possibilità per le persone espatriate, di acquistare casa negli Stati Uniti. Non vi è obbligo di essere residenti negli Stati Uniti per poterne comprare una, ma è necessario dimostrare la provenienza “pulita” dei soldi necessari alla transazione.

Se invece si vogliono ottenere finanziamenti da una banca statunitense per acquistare l’abitazione, bisogna essere residenti, avere il proprio numero identificativo fiscale e fornire lo storico della propria vita creditizia.

Condividi l'articolo se ti è piaciuto 🙂